Si apre il 27 novembre, con l’Avvento, un nuovo anno liturgico: un tempo segnato dalla vigilanza e dalla preghiera. È infatti necessario che ognuno di noi si faccia trovare sempre pronto, alla fine della storia per la venuta del Signore, ma già ora per affrontare con fortezza le tribolazioni della vita. Il Signore ci avverte di stare pronti, di vigilare; egli verrà all’improvviso (Vangelo). Sono parole impegnative che invitano alla conversione, ma anche consolanti, perché ci ricordano che la nostra vita, per nulla abbandonata al non-senso, è orientata al Regno, è attesa del Signore che viene, è salvezza che si avvicina. Decidiamoci quindi per Dio, non importa in quale situazione ci troviamo. La salvezza è offerta a tutti e Paolo ci dice come approfittarne: svegliarsi dal sonno, gettar via le opere delle tenebre e indossare le armi della luce (II Lettura). Riconosciamo il nostro peccato e accogliamo il perdono di Dio. Continueranno le guerre e il male sembrerà dilagare, perché il diavolo sempre vuole distruggere la creazione di Dio. Ma dove uomini e donne dicono “sì” a Dio, le spade e le lance saranno spezzate e ne verranno fatti aratri e falci (I Lettura). Strumenti di guerra e di morte diverranno strumenti di pace e di vita. Là dove era l’odio dilagherà l’amore.

Ci prepariamo al Natale con le parole di San Bernardo

E’ necessaria la venuta del Salvatore,
è necessaria la presenza di Cristo per gli uomini…
Se Egli è in noi,
chi ci potrà ingannare?
E’ un consigliere fedele,
che non può né essere ingannato, né ingannare.
E’ un aiuto forte,
che non si stanca.
E’ un protettore efficace…
Egli è la Sapienza di Dio,
sempre pronto a istruire gli ignoranti.
Egli è la Potenza di Dio,
a cui è facile ridare forza a chi sta per venire meno,
e liberare chi è in pericolo.
Egli per questo è venuto nel mondo,
per vivere dimorando negli uomini, con gli uomini,
e in favore degli uomini,
per illuminare le nostre tenebre,
alleggerire le nostre fatiche,
e allontanare i pericoli.

 

 

Riflettere con San Bernardo

“Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dei tempi”.
Il Signore è vicino, fratelli miei,
non angustiatevi per nulla.
E’ vicino, e presto si mostrerà.
Non venite meno, non stancatevi,
cercatelo mentre si fa trovare,
invocatelo mentre è vicino.
Il Signore è vicino a quelli
che hanno il cuore ferito,
è vicino a coloro che lo attendono,
che lo attendono in verità.

 

 

Per saperne di più

* La venuta di Cristo per salvare gli uomini
* Preghiamo con le parole di San Bernardo
* Padri fondatori cistercensi
* Maria Benedetta Frey, la suora dello straccio
* Cistercensi in festa – Maria Benedetta Frey
* San Bernardo
* Maria nel Monastero